nivels

Bilinguismo tutto il giorno

In a casa parliamo così, bilinguismo, educazione bilingue on 16 novembre 2009 at 21:54

Continuando a pensare alle vie dello sviluppo nel linguaggio di mio figlio (21 mesi d’età) la lista delle tematiche, scritta dal  Dodman, ultimamente scoperto, mi sembrava più che giusta e adatta al mio obbiettivo.

LuzzattiIl professore la chiama “il sapere essenziale”.  In più, direi io, è l’occasione di dare la possibilità ai nostri piccoli di osservare il mondo intorno, di favorire pensiero, idee, emozioni… (si può proseguire a lungo) e naturalmente anchemigliorare la qualità del nostro passatempo al livello educativo (non vorrei utilizzare questa parola qui, ma ho dei miei limiti evidenti in Italiano, mi piacerebbe di definire tutto il passatempo come un grande gioco).

Certi temi, al primo sguardo, mi sembravano meno adatti ai bambini intorno ai 2 anni, come per esempio “pregiudizi e stereotipi”, però ci ho ripensato, anche se, certo, ci vorrebbe un po’ di impegno a trovare il modo in cui presentare il problema. Nonostante le promesse che i nostri bambini bilingui e trilingui saranno persone tolleranti, aperte al nuovo ed al diverso, e una tale saggezza viene dall’esperienza, dalla diversità, a volte dalla sofferenza, trovo veramente lungimirante di iniziare a introdurre l’argomento già adesso. Forse sarebbe opportuno di arricchire l’esperienza di un bambino anche attraverso quelle degli altri.

Ecco le tematiche:

Lo spazio-tempo: forme, linee, colori, posizioni, movimenti

La persona: caratteristiche fisiche, psicologiche, abbigliamento,  gusti, consapevolezza di sé

I rapporti interpersonali: famiglia, amicizia, amore

La salute: benessere,  malattia, alimentazione

Tempo libero: sport, hobby, viaggi

Il lavoro: tipi e caratteristiche, abilità

La società: istituzioni, servizi

I media: televisione, cinema, musica, giornali

L’ambiente: territorio, inquinamento, ecologia

Le idee: moralità, etica, pregiudizi e stereotipi, guerra e pace

Per ogni cosa c’è il suo tempo, per ogni età il suo modo..

Annunci
  1. E magari ad ogni età si riesce ad introdurre la tematica ma ad un livelo diverso? Non so, non ho figli, ma suppongo sia possibile. A volte contano più le piccole cose: non parlare di pace e guerra, ma evitare i litigi in casa e abituarsi al dialogo da subito.
    E poi è proprio come dici tu: crescere parlando più di una lingua di certo aiuta ad essere aperti mentalmente e accoglienti verso gi altri. E’ davvero bello.

    • Si, sicuramente un titolo come “guerra e pace” è abbastanza pretenzioso, però gli argomenti come il dialogo, l’aiuto etc. sono dei componenti possibile, come dice tu, da inserire nel mondo dei piccoli e così si crea una direzione del pensiero importantissima che oltre al suo aspetto educativo permette anche l’arricchimento linguistico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: